Il Network H+ aderisce al Civilian Space Protocol

Credit: Civilian Space Protocol

Il Network H+ è lieto di annunciare la sua adesione alla campagna mondiale Civilian Space Protocol al fine di sollecitare tutti i governi e le istituzioni della Terra a una migliore spesa di denaro pubblico per sostenere l’industria e l’espansione civile nello Spazio.

Proponiamo il preambolo al documento che può essere letto per esteso alla seguente pagina: https://civilianspaceprotocol.space/

L’inquinamento globale, l’esaurimento delle risorse, i cambiamenti climatici, minacciano la nostra sopravvivenza come comunità civile. Stiamo anche causando la terza più grande estinzione di massa nella storia della Terra e rischiamo che prima o poi saremo inclusi nell’elenco delle specie che abbiamo fatto scomparire.

Dobbiamo imparare a usare le risorse rinnovabili, riciclare i nostri rifiuti e fare tutto il necessario per mantenere questo pianeta ospitale per noi, perché ne avremo bisogno per molto tempo.

Ma dobbiamo anche trovare una strada per un ulteriore sviluppo. Non possiamo dire a miliardi di persone che non sono autorizzati a migliorare le loro condizioni di vita perché l’ambiente non lo tollererebbe, né dire ad altri miliardi che devono ridurre il loro tenore di vita per lo stesso motivo.

L’unico modo per favorire lo sviluppo e l’ambiente terrestre è trovare nuove risorse e nuovi spazi al di fuori di questo pianeta. Spesso dicono “non c’è pianeta B” ma non è vero: c’è l’intero sistema solare, con immense risorse, in attesa di essere catturato!

Dobbiamo urgentemente avviare lo sviluppo dello spazio civile, almeno per i seguenti motivi:

Per consentire alla nostra civiltà di 8 miliardi di persone di trovare nuovi spazi, risorse ed energie per continuare a sviluppare le nostre economie, cultura, benessere, etica, libertà e democrazia.

Rilanciare l’economia terrestre globale ampliando l’industria e l’economia astronautiche civili.

Per accedere alla grande abbondanza di risorse lunari e asteroidi, garantendo una piattaforma materiale praticamente infinita, ridurre ed eventualmente eliminare le ragioni per guerre di risorse e conflitti sociali.

Per alleviare il nostro pianeta madre dal peso della nostra crescita industriale.

Per spostare le industrie pesanti fuori dal nostro pianeta e trasformarlo in un bellissimo giardino naturale.

Creare luoghi dove le persone possano vivere al di fuori della Terra, sulla Luna e su altri pianeti ove possibile, e persino in strutture artificiali nello spazio, in orbita attorno alla Terra o nel sistema Terra-Luna.

Consentire alle specie non umane di continuare a vivere su questo pianeta in habitat non umanizzati.

Le organizzazioni firmatarie raccomandano alle Nazioni Unite di aggiungere il 18 ° obiettivo di sviluppo sostenibile all’agenda 2030: “Bootstrapping Civilian Space Development”. Il testo del Protocollo spaziale civile di seguito illustra lo spirito e il contenuto di tale obiettivo: i passi iniziali significativi sul percorso di sviluppo dello spazio civile da compiere entro il 2030.

Le organizzazioni firmatarie raccomandano ai governi di tutti i Paesi del Pianeta Terra di adottare il seguente “Protocollo spaziale civile.

Se sei interessato a contribuire all’iniziativa puoi contattarci a: info [at] transumanisti [punto] net

Add a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *